Press "Enter" to skip to content

Posts published in “L’opinione”

1992

No, non ci riferiamo alla serie tv di cui molti hanno certamente sentito parlare. Il 1992 è l’anno di nascita di due calciatori che a volte critichiamo in maniera decisa, ma che ci stanno molto a cuore. Due talenti del Milan e del calcio italiano, che per vicende non troppo differenti, non sono riusciti a proseguire la loro carriera nella stessa sfavillante maniera con cui l’avevano cominciata. I due protagonisti non hanno in comune solo l’anno di nascita, ma anche il mese: ottobre. Per l’esattezza sono nati ad una sola settimana di distanza. Mattia De Sciglio, che qualcuno ha forse troppo frettolosamente accostato a Paolo Maldini, dopo un promettente avvio di carriera ed…

Il mistero della grande campagna acquisti di Galliani

“Sarà una campagna acquisti importante, assolutamente. Quando si ha il prestigio del Milan si fa presto a ripartire. La Juventus è l’esempio”. Le parole di Galliani assomigliano molto a quelle di chi, nei film, recita la parte del personaggio che sa molto ma non vuole o non può parlare. D’altronde non può non essere così dato che in questo momento il Milan non potrebbe permettersi in alcun modo “una campagna acquisti importante”. Oppure potrebbe permettersela ma Silvio rischierebbe seriamente di essere assassinato da Pier Silvio, Marina o qualche altro dirigente Fininvest… Il Milan è stato già ceduto – Due sono i modi logici e sensati di interpretare le parole di…

La dieta dimagrante del calcio italiano

La stagione sta finendo, direbbero i Righeira 2.0 attualizzati all’anno 2015, e un anno se ne va… Chi ha vinto, ha vinto, chi non ha vinto spera di vincere l’anno prossimo. In attesa di eventi di rilievo che possano destare la nostra attenzione, proviamo a ragionare di organizzazione. E’ arcinoto (ma non perché lo dica il sottoscritto, ma perché lo dicono tutti quelli bravi e in possesso di cultura del settore molto elevata) il nostro calcio è in crisi. Soprattutto, preoccupa lo stato di indebitamento dei nostri club, frutto di cattiva gestione e di spese incontrollate particolarmente sotto l’aspetto dei costi di ingaggio dei calciatori che nel corso del tempo…

Juventus e nulla più

Ora anche De Laurentiis può mettersi l’anima in pace: senza alcun colpo di scena cinematografico, pure quest’anno il suo Napoli non vincerà niente. Idem per la Fiorentina, annichilita dal Siviglia sia all’andata che al ritorno. Le due italiane arrivate fino alle semifinali di Europa League escono dalla competizione con le ossa rotte, e l’unica itaiana rimasta in corsa per un trofeo europeo è così l’inossidabile Juventus, capace di andare a Berlino con scalo a Madrid, dove senza timori riverenziali è riuscita a sconfiggere il Real di Ancelotti, ex tecnico proprio dei bianconeri. Strani incroci di panchine in questa Champions League, i bianconeri sono arrivati in fondo alla competizione sotto la guida…

Le parole della Doyen, Mr. Bee, la dama cinese… Cosa sta succedendo?

Comunicati, dichiarazioni, movimenti nell’ombra… Ma cosa davvero sta succedendo nel mondo Milan? Mr. Bee e la Doyen – Innanzitutto il thailandese e la Doyen Sports che continuano ad agire alla luce del sole, anzi, nel modo più ostentato e sicuro possibile, come se già avessero in mano la società. Nella giornata di ieri uno strano comunicato in cui il fondo di investimenti si diceva orgoglioso di essere stato scelto da Mr. Bee come advisor sportivo. Tale partnership farà tornare il Milan ai palcoscenici che gli competono, come se già tutti gli accordi fossero conclusi e definiti. Un comunicato che non fa altro che dare seguito alla strategia del broker thailandese…

Milan nell’aldilà, Bergomi e la dignità

“Tenere il campo con dignità. Il Milan è stato bravo a fare questo per oltre 70 minuti” – ha detto Beppe Bergomi nel corso della telecronaca Sky di Napoli – Milan. Non sappiamo se volesse essere un complimento o uno sfottò e ci spiace dover contraddire una persona presumibilmente assai competente di calcio come l’ex difensore nerazzurro. Il Milan non tiene il campo con dignità da mesi e mesi, dal girone di andata di questo campionato, quando non si sa bene come, riusciva a vincere diverse partite e a fornire prestazioni quantomeno decorose. L’altra sera invece la partita del Milan è finita dopo pochi secondi, prima ancora che De Sciglio venisse…

Da questa faccenda Berlusconi ne uscirà come vincente o perdente?

Sembra che i colpi di scena nell’infinita faccenda cessione non finiscano mai. Proprio quando Berlusconi e Mr. Bee scendono insieme in piazza a sbandierare principi di accordi, ecco che le carte si rimescolano. Mentre a Milano vengono accolti i rappresentanti della cordata cinese, proprio Fininvest smentisce ogni esclusiva con Mr. Bee. Zong, Wang e Mr. Lee sono ancora vivi, vegeti e tutt’altro che decisi a mollare. Il problema a quanto ne sappiamo non sta neanche nella guerra tra le due cordate, ma nei tentennamenti di Berlusconi, autentica miccia su tale scontro. Basta ripercorrere velocemente le tappe di questo nevrotico viaggio per renderci conto dei suoi dubbi. Non cede di sicuro.…

Mission News Theme by Compete Themes.