Press "Enter" to skip to content

De Jong: “Positiva la cessione della società. Montella bravo e preparato”

Intervista al Corriere dello Sport per Nigel De Jong, ex centrocampista rossonero. Sui motivi del suo addio: “Con Mihajlovic dal punto di vista calcistico non c’era feeling. Può succedere e non gli porto rancore. Continuare a stare in panchina però per me non era possibile. Mls? Ho preso la decisione giusta dal punto di vista professionale e per la mia famiglia: ci troviamo benissimo e non mi sono affatto pentito. Qui la vita e il calcio sono diversi rispetto all’Europa e all’Italia. L’esperienza al Milan comunque è stata bella. Sono stato benissimo in città e i tifosi sono fantastici. Ho dato tutto per la maglia rossonera e credo che la gente lo abbia capito”. Sulla cessione del club e su Montella: “E’ una cosa positiva per la società se arriva un gruppo importante che vuole investire. Berlusconi ha fatto la storia del club, ma i risultati degli ultimi 4 anni non sono stati da Milan. I rossoneri devono essere sempre tra le prime tre in Italia e partecipare alla Champions. Montella? Ho affrontato le sue squadre e mi ricordo giocavano bene. E’ giovane, bravo e preparato”. Una parola sulla rivelazione Donnarumma: “Non riesco a vedere tutte le partite complice il fuso orario, ma Gigio è bravo. Mi ricorda Buffon: è l’unico portiere italiano con cui posso paragonarlo. E’ un bravo ragazzo e tra i pali ha una sicurezza impressionante per uno della sua età. Mi ha colpito fin dalla scorsa estate”. Sull’ex compagno Balotelli: “Mario in Mls? Deve essere lui a decidere la sua prossima formazione e dare consigli non è semplice. Nonostante abbia militato in grandi squadre, Mario è ancora giovane e deve giocare. Per farlo al meglio ed esprimere i suoi grandi mezzi, però, deve essere tranquillo con la testa”.


Vuoi commentare questo articolo? Fallo sui nostri Social! Ci trovi su Facebook , Twitter, Instagram, Tumblr, Flipboard ed anche altrove. Basta cercarci! --> Social Zone
Mission News Theme by Compete Themes.