Press "Enter" to skip to content

Posts published by “Egidio”

Sono nato all'epoca delle Olimpiadi di Roma, nella vita non faccio lo scrittore, né il giornalista, ma tutt’altra cosa che adesso non è utile descrivere né spiegare. Mi piace scrivere. Nel corso della mia vita, sin dall’epoca del liceo, credo di aver sviluppato una discreta capacità nel raccontare ed esprimere idee, concetti, ma soprattutto sentimenti e sensazioni. Tuttora, nella vita di tutti i giorni scrivo molto per lavoro. Sono innamorato del Milan dall’età di 8 anni e questo per merito di mio padre buon’anima, ahimè, volato in cielo pochi mesi prima della Stella del 10°. Mi firmerò con lo pseudonimo di Egidio. Come molti altri di voi, ho giocato a pallone (badate bene, “a pallone”, e non “a calcio”) a livello dilettantistico-amatoriale. Giocavo centravanti (adesso sarei “una prima punta”), la maglia rigorosamente era la numero 9 ed Egidio era il soprannome che i miei amici mi affibbiarono all’epoca dei fatti, ma vi assicuro che ho segnato più reti di quante ne abbia sbagliate lo Sciagurato. Ringrazio sin d’ora chi mi leggerà, chi mi apprezzerà, chi no, ma soprattutto chi, con educazione, mi contesterà : il peggior disprezzo è l’indifferenza. Ricordate che il Milan si discute, ma si ama. Ed io lo amo.

Stagione 2020-2021, le pagelle finali degli attaccanti rossoneri

HAUGE – MEDIA VOTO 5,70 È al top della prestazione in Europa League quando registra un ottimo 7,5. In 2 occasioni riporta un 6,5, in altrettante occasioni la sufficienza, per il resto solo insufficienze e in 4 occasioni il S.V. Il Milan se ne innamora incrociandolo come avversario e ne apprezza la velocità, la corsa e la rapidità di esecuzione, tanto da ingaggiarlo. Parte fortissimo perché “…bello, fresco e pimpante proveniente dal campionato Norvegese” che è terminato mentre quello nostro iniziava, perciò “si muove bene, senza timore”. Lui “entra in partita col piglio giusto, quello della intensità e della concentrazione” e si mette in mostra nel “… puntare l’avversario di…

Le pagelle finali 2020-2021: la difesa

CALABRIA – MEDIA VOTO 6,5 È al top della prestazione in ben 8 occasioni (Spezia, Parma, Juventus, Torino Coppa Italia, Atalanta due volte, Roma, Cagliari) nelle quali porta a casa un bel 7 rotondo, mentre soltanto in 3 occasioni va sotto alla sufficienza. In ben 13 occasioni porta a casa almeno la sufficienza segno di una continuità di prestazioni nell’arco di tutta la stagione non indifferente. L’esordio è promettente perché osservo che...

Le pagelle finali 2020-2021: i portieri

Donnarumma: media voto 7 È al top della prestazione (7,5) contro Bologna, Benevento, Celtic, Torino e Cagliari. In otto occasioni porta a casa almeno 7, un paio sono i S.V., mentre a 11 ammontano le prestazioni con la sufficienza o poco sopra. Mette a referto un’unica insufficienza (5,5) contro la Fiorentina. Il votaccio (4,0) rubricato contro la Lazio “prescinde dalla prestazione e dalle belle parate esibite” e non concorre alla media. Stagione complessivamente di crescita e miglioramento su quelli che sono stati i suoi punti deboli del passato. Segno, questo, evidente di una maggiore maturità tecnica. Compaiono meno espressioni tipo “Nella ripresa si guadagna il voto col doppio paratone al…

Atalanta-Milan 0-2, le pagelle di Kessie e compagni

DONNARUMMA Voto 7,0: terzo difensore centrale e all’occorrenza libero aggiunto in perfetto stile Verrou anni ’60. Impeccabile in presa o uscita alta (minuti 26, 51, 58 e 85), abbranca al minuto 65 a terra su Malinovsky. La scusa dell’attesa della Champions è terminata, rinnovi ora o taccia per sempre. CALABRIA Voto 7,0: azzarda la prima uscita offensiva solo al minuto 67, perché stasera elmetto in testa e si va in trincea. Chiude su De Roon al minuto 16, poi si piazza dal suo lato e randella tutto ciò che rotola sull’erba e l’anguilla Muriel lo supera una sola volta. Il Calabria lento e svagato è ormai un brutto ricordo. KJAER…

Milan-Cagliari 0-0, le pagelle dei rossoneri

Donnarumma Voto 7,5: gioca il primo pallone (per giunta con i piedi) al minuto 16, poi esce in presa alta su angolo al minuto 20 e in uscita di pugno al minuto 34. Nella ripresa, è strepitoso su Pavoletti al minuto 53 e poi ancora di più su Godin al minuto 64. CALABRIA Voto 6,0: ancora nei tre pistoleri, ma stavolta la sua prudenza non paga perché dall’altro lato i commandos di Semplici rendono difficili le cose a Theo e sulla trequarti del Cagliari c’è più gente che ad un rave party non autorizzato. Al minuto 31 va al tiro e sfiora l’incrocio, al minuto 35 chiude in diagonale difensiva…

Il Milan ne fa 7 al Toro, le pagelle dei rossoneri

DONNARUMMA Voto 7,5: serata di relax alla quale mancano solo i pop corn. Protagonista dell’episodio chiave della partita quando al minuto 37, con un miracolo, nega a Bremer il gol che avrebbe rianimato il Torino a quell’epoca già in apnea. Per il resto, segnalazione negativa. CALABRIA Voto 7,0: nella riedizione masterizzata del western difensivo “IL BUONO, IL BRUTTO E IL CATTIVO”, lui è certamente “il brutto”. Altra partita di sostanza, solidità e compattezza. La sua prudenza fornisce equilibrio e tranquillità alla squadra permettendo a Theo di scorrazzare felice. Nella ripresa si concede qualche sortita in più, tunnel incluso al minuto 56. KJAER Voto 7,0: dei tre pistoleri lui invece è…

Juve travolta dai rossoneri. Le pagelle della squadra di Pioli

DONNARUMMA Voto 6+: rischia l’incidente diplomatico con i tifosi al minuto 30 quando esce non in maniera impeccabile su un corner permettendo il colpo di testa a Chiellini. In precedenza, era uscito (bene) di piede al minuto 25 per sbrogliare una matassa ingarbugliata sulla trequarti. Para su Bentancur al minuto 46 e poi devia in angolo un cross di Cuadrado al minuto 86. Tutto sommato però serata tranquilla, protetto da una difesa stile muro di Berlino. Caro Luigi, sei sicuro che andarti a ficcare nel casino che hai visto stasera sia la cosa migliore? Guarda che il giovedì sera in Azerbaigian fa freddo. CALABRIA Voto 6,5: partita di sostanza. Non…

Lazio-Milan 3-0, le pagelle dei nostri

DONNARUMMA Voto 4,0: il voto prescinde dalla prestazione e dalle belle parate esibite. Una volta, quando perdevi, attingevi al tuo repertorio di parolacce e bestemmie, entravi in spogliatoio menando tre pugni benassestati all’armadietto e per 12 ore non volevi parlare nemmeno con la tua immagine riflessa nellospecchio. Adesso invece vai a sghignazzare con il tuo collega avversario (?) incurante delle telecamere. Accetto il professionismo e un po’ meno il politicamente corretto, ma qui sinceramente si sta esagerando. Urgerebbe un intervento societario che non ci sarà. Dopo Costacurta e Ambrosini, qualcuno gli spieghi che il Milan c’era prima di lui e ci sarà dopo di lui, perciò, faccia ciò che crede…

Le pagelle del Milan sconfitto dal Sassuolo

DONNARUMMA Voto 6,5: para sottomisura su Boga al minuto 13 poi facilmente su Defrel al minuto 51. Gli segnano da sotto il naso e non per colpa sua. Molto bene con i piedi, in continuo progresso. CALABRIA Voto 6+: al rientro dopo l’operazione gioca d’anticipo e in raddoppio su Boga al cospetto del quale esibisce la barba da radicalizzato, limitandone le vivacità e confondendone le idee. Spinge appena può e fino a che ne ha, il che accade intorno al minuto 52, più o meno. Era certamente da sostituire, ma ne parlerò dopo diffusamente. KJAER Voto 6-: supera brillantemente un round contro Donnarumma che lo mette K.O. costringendo l’arbitro al…

Parma-Milan 1-3, le pagelle di Ibra e compagni

DONNARUMMA Voto 7,0: nel primo tempo para facile al minuto 18, poi riflette a lungo sui buchi neri e sul nulla cosmico rappresentato dall’attacco del Parma. Nella ripresa si guadagna il voto col doppio paratoneal minuto 50 e al minuto 79 in presa bassa blocca un tiro di Grassi. Per ravvivare il pomeriggio finge di farsi male alla mano destra. Non ci crede nemmeno Pioli che usa tutte e cinque i cambi dopo che scopre Tatarusanu impegnato in tribuna a fare riti Voodoo. KALULU Voto 6,5: arrivato a Milanello tra gli sberleffi e l’ironia diffusa dei laureati in calciomercatologìa applicata, il ragazzo dimostra ancora una volta di possedere doti non…

Milan-Samp 1-1: Bennacer prevedibile, male Theo Hernandez

DONNARUMMA Voto 7,0: incolpevole sul gol, perché la didattica della costruzione dal basso impone che lui dovesse essere lì, tenuto conto che la palla era in nostro possesso. Al minuto 5 si scalda su Gabbiadini, al minuto 21 blocca su debolezza di Augello, al minuto 23 para alla grande su Thorsby. Ormai difensore centrale aggiunto. SAELEMAEKERS Voto 5,5: messo a fare il terzino parte spingendo con un bel cross al minuto 3. Ha spazio e cerca di approfittarne ma la scarsa collaborazione del compare di fascia lo espone alle scorribande di Augello e Damsgaard. Ad uscire all’intervallo dovrebbe essere il collega spagnolo (che “non vede, non sente ma parla del…

Approfondimento tattico: la palla lunga

Buongiorno. Come anticipato (e promesso…) “Uno sciagurato punto di vista” presenta la seconda parte dell’approfondimento tattico dedicato alla contrapposizione tra i sostenitori della costruzione dal basso e quelli della palla lunga. Nella prima parte ci eravamo occupati di definire meglio la costruzione dal basso e sottolineare anche dal punto di vista numerico e statistico quali fossero i “punti” a suo favore e portati dai suoi sostenitori a supporto della loro “fede”. Oggi, facciamo lo stesso relativamente alla palla lunga. ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Partiamo col dire che, in linea generale, personalmente ritengo che nel calcio siano possibili diversi approcci. Tutti possono dare risultati se applicati in un contesto ideale che però ne amplifichi…

Costruire dal basso, opportunità o moda (parte I)

Buongiorno. In questa e nelle settimane a seguire, per la rubrica “Uno sciagurato punto di vista”, ci occuperemo di tattica, che tanto ci appassiona. In fin dei conti, siamo o no un popolo di C.T.? Cercheremo di approfondire il dualismo, vero o presunto, tra i sostenitori della “costruzione dal basso” e quelli della “palla lunga”, evidenziando i diversi punti di vista e di opinioni sull’argomento. Passano gli anni e le mode, ma le dispute non tramontano mai. Una volta (anni ’80) era Sacchisti vs Trapattonisti. Adesso, dove siamo? Ancora una volta, siamo al “progressisti vs tradizionalisti”? Contrapponiamo “giochisti vs risultatisti”? Dezerbiani vs Allegriani? Oppure è tutta una scusa? ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ Nelle…

Fiorentina-Milan 2-3, le pagelle dei nostri

Donnarumma voto 5,5: le palle inattive della Fiorentina gli rendono la serata indigesta. Arriva solo con lo schiaffo sulla punizione di Pulgar e non può nulla sul gol di Ribery. Per il resto nessuna parata da segnalare. Dalot voto 4,5: il punto debole della squadra, è apparso svagato e distratto, non certo ai livelli di Verona e Manchester (trasferta). Inizia con un crossaccio che anni fa avrebbe fatto gioire l’oratorio tutto. Suo il fallo su Castrovilli che determina il gol del pari. Bissa l’errore al minuto 24 con un pallone orizzontale immediatamente intercettato. Un’unghia meglio nella ripresa dove fa le cose migliori al minuto 82 (!) quando ferma Ribery e…

Milan-Manchester UTD 0-1, le pagelle dei nostri

DONNARUMMA Voto 6+: para al minuto 19 in uscita plastica con pugni, al minuto 31 esce fuori dai sacri confini dell’area di rigore per chiudere di piede, para al minuto 24 su Fred e al minuto 51 su Greenwood. Al minuto 83 abbranca in presa bassa su cross di Wan Bissaka. Sul gol poteva fare di più?Certamente poteva fare meglio chi gli stava davanti. KALULU Voto 6,5: sino a che resta in campo, dispensa personalità da veterano. Parte lentamente poi al minuto 13 si infila in area ma non rifinisce al meglio. Al minuto 18 chiude bene su Shaw. Rashford dalla sua parte non si è visto. Esce senza demerito…

Mission News Theme by Compete Themes.