Tempi Rossoneri

Tutto sul MILAN: notizie, statistiche, pagelle, analisi tattiche, approfondimenti, opinioni e previsioni sul mondo rossonero (e anche sul calcio in generale)

Milan – Napoli, Montella: “Le assenze non devono essere un alibi. Un orgoglio affrontare una gara del genere”

DiMirko

Gen 20, 2017

Vigilia del big match tra Milan e Napoli e conferenza stampa di rito per il tecnico Vincenzo Montella, che si troverà a confrontarsi con i partenopei con qualche assenza importante anche se il tecnico non vuole sentir parlare di alibi. Sul match di domani: “E’ una partita di alta classifica, per noi è motivo di orgoglio e di responsabilità. Affrontiamo una squadra fortissima, è stata costruita per fare la Champions: li affronteremo nel loro momento migliore, quindi servirà una partita di altissimo livello”. Sul suo Milan: “Le nostre ambizioni sono cresciute. Il 2-2 a Torino una volta sarebbe stato miracoloso, ora abbiamo subito delle critiche. Dobbiamo pensare di alzare l’asticella anche per arrivare in Europa League e per farlo bisognerà convincere i ragazzi a fare qualcosa fuori dall’ordinario. Ad ogni modo al di là del risultato i tifosi apprezzano l’anima della squadra e la programmazione del gruppo. I risultati non mineranno la partecipazione del tifoso”. Sul Napoli: “A Sarri piace il possesso palla e il fraseggio, le sue squadre sono molto riconoscibili. Il Napoli è tra le squadre che giocano meglio in Europa. Lo stimo molto come allenatore, non mi sento in contrapposizione con lui. Per me sarà un derby, spero che la visita di Maradona li abbia distratti…”. Su Niang: “Ha perso sicurezza dopo il virus influenzale. Ieri non si è allenato ancora per l’influenza, oggi lo valuteremo. Un episodio positivo e favorevole potrebbe aiutarlo a superare il momento difficile, lui deve continuare a lavorare. È un ragazzo sensibile, ha dimostrato di voler colmare le sue lacune”. Sulla difesa: “Gli attaccanti del Napoli sono difficili da marcare. Romagnoli poteva garantirci un migliore fraseggio, ma anche Gomez e Zapata possono fare bene”. Sulle assenze: “Giocheremo sempre in 11, non dovranno essere un alibi”.


Vuoi commentare questo articolo? Fallo sui nostri Social! Ci trovi su Facebook , Twitter, Instagram, Tumblr, Flipboard ed anche altrove. Basta cercarci! --> Social Zone