Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Cerci”

Supercalifragilistichespiralidoso: Alessio Cerci

Il Robben de noantri / il Robben di Valmontone, così è stato simpaticamente definito questo ragazzo riccioluto troppo incostante per diventare fortissimo, ma abbastanza forte da attirare l’attenzione di squadre importanti. Alessio Cerci, classe 1987, si fa inizialmente notare nella Primavera della Roma, con la quale vince il titolo di campione d’Italia nel 2004/2005. Capello lo fa esordire in serie A il 16 Maggio 2004 a soli 16 anni e mezzo. Esploderà però altrove, dopo una serie di prestiti in giro per l’Italia. Brescia, Pisa, Atalanta, poi acquistato dalla Fiorentina, poi dal Torino. Carattere non facile, non si legherà molto a nessuna piazza, anzi qua e là non mancheranno i…

Avremmo potuto piaCerci

Il colpevole è stato individuato, i testimoni sono migliaia. Le prove schiaccianti, i dubbi zero. La corte sta già discutendo la sentenza, che sarà ovviamente di condanna. Alessio Cerci, arrivato lo scorso gennaio a Milanello in prestito dall’Atletico Madrid, ha un particolare primato nel Milan: è stato il giocatore più sostituito nel 2015. L’attaccante esterno rossonero è infatti uscito dal campo prima del 90’ minuto in ben 12 occasioni. E’ stato anche uno dei più deludenti, ma non diremmo il più deludente perchè per la prima posizione di questa speciale categoria c’è una bella lotta. Mettiamo il paniere sul tavolo e diciamo la verità, Alessio. In poche occasioni hai lasciato…

Capovolgimento silenzioso

Non pensiamo alla classifica, ancora possiamo migliorare, vorrei invece concentrarmi sulla rivoluzione che sta avendo luogo e che trova come primario artefice Sinisa Mihajlovic. Lo avevo duramente criticato soprattutto per le numerose formazioni mandate in campo senza un filo logico, ma in questo periodo mi sto ricredendo. Sinisa sa il fatto suo, nessuno lo mette in dubbio, quello che mi stupisce é come abbia fatto a mantenere la calma quando aveva totalmente perso la fiducia del presidente e quando era totalmente assediato dalla stampa. Oggi come ho detto la situazione si é capovolta; Sinisa con il cambio modulo é riuscito a plasmare da quella materia informe la sua idea di…

I top rossoneri del mese di Ottobre

Donnarumma: riesce a scalzare Diego Lopez e a conquistarsi la fiducia di Mihajlovic con due buone prestazioni contro Chievo e Sassuolo. A parte una piccola ingenuità contro i veneti (condizionata comunque da un probabile fallo) mostra sicurezza da veterano negli interventi, un predestinato. Speriamo diventi una colonna rossonera. Bonaventura: i mesi passano ma Jack rimane sempre tra i top rossoneri. Un autentico leader che non si risparmia mai: grinta ed impegno a volontà e uno dei pochi in squadra a dimostrare talento da vendere. Ormai uomo imprescindibile sia che lo si piazzi in mediana che come esterno nel 4-3-3. Romagnoli: i miglioramenti della squadra in questo mese coincidono anche con…

Mihajlovic punta su Cerci e Luiz Adriano

Nelle ultime quattro partite i granata di Ventura hanno ottenuto 2 vittorie e 2 sconfitte, esattamente come il Milan, ma con la differenza di avere una migliore classifica, frutto di un migliore avvio di campionato: il Torino è a quota 13, il Milan ha invece solo 9 punti. A poche ore da Torino-Milan, anticipo serale dell’ottava giornata di campionato, il tecnico rossonero ha sciolto alcuni dei suoi dubbi circa la formazione che scenderà in campo contro i granata: in attacco, insieme all’intoccabile Bonaventura, vedremo l’ex torinista Cerci, apparso molto in forma nell’ultima amichevole, e Luiz Adriano. Ben 7 italiani nell’undici iniziale. La novità nel reparto centrale di difesa è rappresentata dal ritorno di…

Monza-Milan: spunti di Cerci e di… 4-4-2

Il Milan vince l’amichevole con il Monza per 3 a 0 con reti di Luiz Adriano, Nocerino e Cerci. Buon test per i ragazzi di Mihajlovic nonostante le numerosissime assenze dovute agli impegni con le rispettive nazionali. In particolare ottima la prestazione di Poli, non propriamente un titolarissimo, ma che ha dimostrato come al solito grande grinta e spirito di sacrificio. Impiegato dal tecnico serbo come terzino destro, l’ex doriano non ha per nulla sfigurato, portando a casa anche due ottimi assist. Da segnalare il tanto discusso cambio di modulo avvenuto nel secondo tempo, in cui si è passati dal 4-3-3 al nuovo 4-4-2 con Josè Mauri e De Jong…

Viva l’entusiasmo!

Fra le tante cose di cui il Milan si è dimostrato carente, ce ne sono due che fanno la differenza ad ogni livello e senza ombra di dubbio incidono profondamente anche in serie A: l’atteggiamento e l’entusiasmo. Guardate le facce di molti nostri protagonisti, vecchi e nuovi: siamo passati dagli interminabili sbuffi di Balotelli a quelli di Fernando Torres, Cerci, Muntari and company. Non solo le qualità tecniche di molti dei protagonisti in campo non sono adeguate alla situazione, ma questi personaggi che non vogliamo definire strapagati, ma possiamo senz’altro definire ”pagati bene”, si permettono anche di esibire un atteggiamento sbagliato e controproducente nei confronti della squadra. E così sbattono bottiglie per terra o contro la…

Milan, non solo Cerci: anche Nastasic, Brozovic e Okaka…

Difesa – A quanto pare tutti gli sforzi che il Milan farà a gennaio per migliorare il reparto difensivo verteranno su un terzino sinistro che possa dare il cambio a De Sciglio. Armero nonostante abbia giocato da titolare le ultime gare non gode di grande fiducia da parte di Inzaghi. Nelle ultime ore si è parlato di uno scambio con Antonelli del Genoa: sarebbe l’ultimo di un elenco lunghissimo di affari fatti con Preziosi. Un aspetto che potrebbe favorire la trattativa è il fatto che Antonelli si è formato calcisticamente nelle giovanili dei rossoneri e ciò permetterebbe al Milan di inserirlo dal prossimo anno nella lista B dei giocatori provenienti…

Cerci verso il Milan: Inzaghi vuole proprio lui

Nel 4-3-3 di Inzaghi potrebbe essere il giocatore perfetto, per le sue abilità nel saltare l’uomo. Stiamo parlando di Alessio Cerci, uno dei pochi giocatori offensivi italiani realmente in grado di decidere una partita con uno spunto individuale (l’emigrante Prandelli non ci ha ancora spiegato perchè in Brasile Cerci non ha quasi messo piede in campo). Lui e Menez garantirebbero una gamma di soluzioni più che sufficiente per quello che è il progetto di Filippo Inzaghi. Il problema, soldi a parte, è un altro: siamo sicuri che Alessio abbia così tanta voglia di rinunciare a giocare l’Europa Luague, raggiunta con il Torino, per approdare in un team negli ultimi tempi ha…

I numeri degli azzurri in Brasile: Cassano 10, Cerci 11, Abate 7, Balotelli 9

Sono stati assegnati i numeri di maglia che vedremo sulle spalle degli azzurri ai Mondiali brasiliani. Ecco di seguito le scelte dei giocatori: 1 Buffon, 13 Perin, 12 Sirigu; 7 Abate, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 3 Chiellini, 4 Darmian, 2 De Sciglio, 20 Paletta; 14 Aquilani, 6 Candreva, 16 De Rossi, 8 Marchisio, 5 Thiago Motta, 18 Parolo, 21 Pirlo, 23 Verratti; 9 Balotelli, 10 Cassano, 11 Cerci, 17 Immobile, 22 Insigne. Ci trovi anche su Facebook e su Twitter

Mission News Theme by Compete Themes.