Press "Enter" to skip to content

Tre buone notizie in tempi di Coronavirus

Sono poche, ma ci sono. Le buone notizie in questo periodo. Eccone tre.

Abdelhak Nouri si è risvegliato dal coma che durava ormai da oltre due anni e mezzo. Il 22enne ebbe un grave malore nel corso di una partita amichevole fra la sua squadra, l’Ajax, e il Werder Brema, a inizio luglio 2017. Il giovane di origini marocchine era allora considerato uno dei talenti più promettenti del calcio giovanile olandese. Adesso è cosciente, secondo quanto raccontato dal fratello, e prova a comunicare con piccoli gesti e pochissimi movimenti, avendo purtroppo riportato seri danni cerebrali. Mangia, riesce a sorridere, talvolta sembra commuoversi. La famiglia coltiva la naturale speranza che le sue condizioni possano col tempo migliorare.

Scoperto un batterio che aiuterà lo smaltimento del poliuretano. I ricercatori dell’Helmholtz Center for Environmental Research-UFZ di Lipsia hanno scoperto un batterio in grado di attaccare il poliuretano. Si chiama Pseudomonas sp ed è capace di spezzare i legami chimici che compongono il PET, che in Europa è prodotto per un quantitativo di circa 3,5 milioni di tonnellate ogni anno. La promettente scoperta è avvenuta all’interno di un programma scientifico dell’Unione Europea, che aveva come obiettivo quello di individuare microrganismi in grado di convertire le materie plastiche a base di petrolio in sostanze totalmente biodegradabili. Il che aprirebbe scenari certamente migliori per l’ambiente in cui viviamo e per la nostra salute.

Il deserto della Namibia torna a fiorire. Dopo ben tre anni di assenza, sono riapparsi meravigliosi gigli nel deserto della Namibia. Il ritorno delle piogge abbondanti, dopo un periodo lungamente siccitoso, ha favorito la rinascita di questi bellissimi fiori locali. I gigli Sandohof rappresentano certamente una delle bellezze di questa terra africana selvaggia e senza tempo, da sempre caratterizzata da un clima particolarmente arido e secco. Paesaggi meravigliosamente surreali fatti di colori (bianco, rosa e verde) e profumi unici al mondo, in uno spettacolo visivo a dir poco sorprendente, che si estende per centinaia di ettari di suolo desertico.


Vuoi commentare questo articolo? Fallo sui nostri Social! Ci trovi su Facebook , Twitter, Instagram, Tumblr, Flipboard ed anche altrove. Basta cercarci! --> Social Zone
Mission News Theme by Compete Themes.