Press "Enter" to skip to content

Posts published in “Nazionali”

SPECIALE SuperNews – Gli stranieri in Serie A aiutano a vincere ma non è loro la colpa se la nostra Nazionale non vince più

Dall’analisi di SuperNews è emerso che se la Nazionale Italiana non riesce più a vincere dal 2006 non è colpa del numero di stranieri in Serie A, ma degli investimenti errati della Federazione e delle varie società. In definitiva, non è vero che ci sono troppi stranieri nel nostro campionato. L’altro dato interessante, è quello relativo all’incidenza dei calciatori stranieri sui risultati delle squadre di club. La maggior parte dei top club, infatti, ha in rosa almeno il 60% di calciatori stranieri. Scendendo in basso nelle classifiche dei 5 maggiori campionati europei, anche la media di stranieri in squadra si abbassa. Per realizzare il nostro studio abbiamo analizzato la presenza…

Donnarumma & friends 2 a 0 sulla Finlandia. Le pagelle tricolori

Donnarumma S.V. Solo una parata nel finale. Troppo poco per poterlo giudicare. Piccini 6,5 Grande senso di sicurezza, sempre lucido e deciso. Sfiora pure il gol. Bonucci e Chiellini 6 La premiata ditta gestisce bene la partita, con pochi patemi anche grazie alla scarsa qualità degli avversari. Biraghi 6 Compitino ben eseguito. Verratti 6 A volte troppo incosciente nel gettarsi palla al piede in mezzo a un nugolo di avversari. Ammonito, come quasi sempre del resto. L’ex Pescara è cibo per gli esteti, e a Parigi, è risaputo, si mangia bene, ma boh.. personalmente non mi fa impazzire. Jorginho 5,5 Qualche errore di troppo, forse dovuto al fatto di giocare…

Italia-Stati Uniti 1-0, le pagelle di Verratti e compagni

Sirigu 6.5 Spettatore per quasi tutta la partita, tranne che in due occasioni, quando si fa trovare pronto. De Sciglio 6 Una brutta entrata gli costa il giallo, ma probabilmente lo ha fatto per dare un pò di pepe a una partita non esaltante. Acerbi 6 Attento e pulito ma anche poco sollecitato dagli avversari. Bonucci 6.5 Più preciso del suo solito, non disdegna le sortite offensive. Condisce la sua prestazione con un paio di ottimi lanci, tipo quello sciupato da Lasagna. Emerson Palmieri 6 Si accende ad intermittenza, ma quando lo fa mette in mostra ottimi spunti e buoni cross. Barella 5.5 Forse un pò stanco, lo si nota meno…

Italia-Portogallo 0-0: le pagelle degli azzurri

Donnarumma 6.5 Raramente è stata così tranquilla la sua serata a San Siro, ad eccezione del finale, quando deve compiere un difficile intervento per salvare la nazionale dalla beffa. Florenzi 5.5 Bene in fase propositiva, male nel tentativo di contenere Bruma, il quale per fortuna si accende solo a intermittenza. Sfiora un gol dalla distanza. Bonucci 5.5 Un paio di passaggi totalmente sbagliati e tante pezze messe dal suo compagno di squadra Chiellini. Chiellini 7.5 Monumentale per efficacia, anche se non gli si potrà mai fare i complimenti per la pulizia degli interventi. 100 presenze in azzurro raggiunte in questa occasione. Biraghi 6 Qualche pregevole iniziativa nel primo tempo sanciscono…

Italia – Portogallo: ultima di Nations League, ballottaggio in attacco

Stasera al Meazza tutto esaurito per la gara col Portogallo, vero e proprio esame di maturità per i ragazzi di Mancini. La qualificazione alle final four è appesa a un filo (servirà vincere e poi sperare nella vittoria della Polonia in terra lusitana, oppure vincere con due gol di scarto per attendere anche un pareggio), ma ciò che davvero conta sarà tastare i progressi degli Azzurri dopo la vittoria con i polacchi, anche in ottica Euro 2020. Qui Italia – Poche indecisioni per Mancini. In difesa out Romagnoli per una contrattura, giocherà la coppia juventina Bonucci – Chiellini, con Florenzi e Biraghi sulle fasce. Anche in mediana tutto confermato: Jorginho…

Polonia-Italia 0-1, le pagelle degli azzurri

Donnarumma: 6,5 Due parate importanti, in una serata tutto sommato tranquilla. Florenzi: 6.5 Bene nei cross, buona vena propositiva, sempre attento. Il portiere polacco gli nega un gol. Bonucci: 6 Ordinaria amministrazione, soliti cambi di gioco, partita diligente senza mai soffrire particolarmente. Del resto la palla la abbiamo sempre noi. Chiellini: 6,5 Ottima forma, grande attenzione. Con lui non passi neanche se ti chiami Lewandowski. Biraghi: 7 Fa piovere buoni cross e ci regala un gol fondamentale, da vero attaccante quale lui non è. Verratti: 7 Finalmente fa rivedere la qualità che tutti gli riconoscono, con il plus di qualche bel preziosismo. Che abbia trovato i compagni di gioco ideali? Jorginho: 7 Traversa…

Polonia – Italia: tre punti per evitare la retrocessione

Trasferta delicata per gli Azzurri di Mancini, che ormai non portano a casa un bottino pieno dall’amichevole di Maggio contro l’Arabia Saudita. Una sconfitta stavolta significherebbe però retrocessione matematica in Lega B di Nations League: un altro schiaffo dopo la mancata qualificazione agli ultimi mondiali. D’altra parte stessa sorte spetta ai polacchi, che quindi nemmeno potranno permettersi un passo falso. Qui Italia – Mancini non dovrebbe attuare grossi cambiamenti rispetto all’amichevole di Genova contro l’Ucraina. Unico dubbio quello di Barella: il centrocampista del Cagliari potrebbe far posto a Pellegrini nei tre schierati a centrocampo. In attacco vedremo ancora Insigne nei panni di punta centrale con Immobile che si accomoderà in…

Portogallo – Italia, le pagelle degli Azzurri

Donnarumma 7: senza dubbio il migliore anche stasera. Se gli Azzurri non subiscono un passivo peggiore lo devono a lui, autore di una grande parata su Bernardo Silva e di altre tre buone parate. Lazzari 5: perde nettamente il duello con Bruma, forse perché abituato a giocare quinto di centrocampo in una difesa a tre e non terzino nella difesa a quattro. Forse non adatto a questi livelli. Romagnoli 6: il migliore dei quattro in difesa, salva sulla linea un gol praticamente fatto, e si rende utile in numerose circostanze, non però nel gol del suo ex compagno Andrè Silva. Caldara 5: evidentemente non abituato a giocare in una linea…

Una nobile d’Europa uccisa da se stessa

Solo 2 partite vinte e la miseria di 8 gol nelle ultime 10 partite giocate rendono completamente disastroso il cammino recente della nazionale italiana. A voler analizzare il cadavere azzurro, compiendo una sorta di esame autoptico, possiamo anche dire che esiste uno spartiacque decisivo facilmente individuabile: la netta sconfitta con la Spagna del 2 settembre 2017. Dopo di allora il castello è fragorosamente crollato su se stesso, lasciando solo rovine. E pensare che le precedenti quattro partite prima di quella disfatta storica furono tutte vittoriose e a loro volta comprese in una serie ancora più lunga e sorridente, fatta di ben 10 partite senza perderne alcuna. Quella sembrava una nazionale…

La Nazionale Italiana all’epoca della fascia di capitano colorata

Si conferma la tradizione negativa del mese di settembre per il calcio Italiano e al Dall’Ara di Bologna ne viene fuori un pari con la Polonia, per la verità scesa in campo con un atteggiamento molto conservativo. Solo un anno fa, la Spagna ce le menava di brutto chiudendo l’epoca Ventura. Sempre nel mese settembre sono collocate molte delle brutte figure rimediate nel corso dei secoli passati e in ricordo delle quali in molti Paesi d’Europa si brinda ancora. Possibile che nessuno voglia arrivare a comprendere che i nostri campionati iniziano troppo in ritardo rispetto a quelli delle altre nazioni? Persino Ventura che non era un’aquila in fatto di QI…

Probabili formazioni di Italia – Polonia

Nello stadio che molti anni fa lo vide esordire in serie A, Roberto Mancini stasera comincerà il suo percorso azzurro nella Nations League. Si tratta dell’ultima invenzione della Uefa: una competizione inedita che dovrebbe avere lo scopo di dare un senso alle tante amichevoli fra nazionali. Tanti “italiani” che potremo vedere in campo nella Polonia, avversario odierno: lo juventino Szczesny, i sampdoriani Bereszynski e Linetty, i napoletani Milik e Zielinksi. Se non tutti, molti di questi figureranno fra i titolari. Sul fronte azzurro, la formazione ruoterà intorno ai piedi ed al cervello di Jorginho. In porta Gigio Donnarumma, capitano sarà Chiellini, molto probabile l’impiego di Biraghi in luogo di Criscito. Il modulo più…

Nations League, regolamento e accesso a Euro 2020

Venerdi inizierà il cammino degli Azzurri nella Nations League, la nuova competizione che potrà dare visibilità e prestigio a tutte le nazionali europee, le quali disputeranno così incontri ufficiali in luogo delle solite amichevoli. Regolamento – La Nations League è composta da quattro serie, ognuna delle quali formata da quattro gironi. Le vincenti di ogni girone vengono promosse alla serie maggiore, le perdenti retrocedono. Le quattro vincenti della Serie A  disputeranno le Final Four per decretare la vincente della competizione. Ecco i gironi della Serie A: Gruppo 1: Germania, Francia, Olanda Gruppo 2: Belgio, Svizzera, Islanda Gruppo 3: Portogallo, Polonia, Italia Gruppo 4: Spagna, Inghilterra, Croazia Euro 2020 – Un…

Francia – Croazia: vediamo chi brinda in Coppa

Francia – Croazia: la finale di Davide contro Golia. La storia del pastorello Davide che, armato di una semplice fionda, uccide Golia, il temibile gigante dei Filistei in guerra con il popolo di Israele. E’ uno degli episodi più famosi della Bibbia. Simbolo della fede e del coraggio che trionfano sulla bruta violenza, stavolta di Bibbia calcistica si parla, con Modric nei panni di Davide e Mbappè in quelli di Golia. C’è un precedente gustoso: Mondiali di Francia, la sera di quell’8 luglio 1998, nella semifinale giocata a Saint-Denis. La Croazia accarezzò l’idea della finale giusto per un minuto: vantaggio firmato da Davor Suker (il quinto in quel Mondiale, saranno…

La mutazione genetica dell’Inghilterra. Occhio che stavolta i figli di Albione fanno sul serio

Nella sera in cui Kane quasi si nasconde e gioca solo per la squadra, brillano nell’Inghilterra del nuovo corso i giovani figli di Albione: Sterling, Alli, Lingard, Pickford. I bianchi vanno avanti superando la Svezia e approdano in semifinale dove troveranno la Croazia forse infiacchita da due maratone terminate ai calci di rigore. Stavolta la compattezza degli scandinavi non è bastata a compensare una differenza di valori tecnici evidente e, andati sotto nel punteggio, gli svedesi, pur battendosi con orgoglio ed onore hanno mostrato i loro limiti non riuscendo a rimontare. La Svezia si affida alla nota compattezza delle due linee da 4 per spezzare le iniziative britanniche, confidando nella…

Brasile out, ora il Belgio ha l’occasione della vita

Disastro del calcio Sudamericano. Dopo l’eliminazione dell’Uruguay, è la volta del Belgio che si qualifica per le semifinali del Mondiale in Russia battendo una delle peggiori Selecao della storia. De Bruyne ed un autogol di Fernandinho regalano alla squadra di mister Martinez un traguardo storico che eguaglia (almeno…) quello ottenuto nel 1986. Inutile l’illusoria rete di Renato Augusto. L’inzio della partita è subito dalla parte belga, con De Bruyne (minuto 2) che calcia da fuori area con il destro strozzando troppo il tiro. La prima palla goal però è di marca verde-oro. Minuto 8: Neyar batte un angolo, la sponda di Miranda diventa un assist per Thiago Silva, che però…

Mission News Theme by Compete Themes.