Press "Enter" to skip to content

Tempi Rossoneri

Siamo ancora in corsa per una Coppa, ma sarà dura

Prima di dare la colpa ad Inzaghi, vediamo se riesce a vincere almeno una coppa. Un trofeo che può aggiudicarsi davvero se il suo Milan riuscirà a chiudere il campionato non al decimo/undicesimo posto, dove ora si trova, bensì al nono. Si tratta, per l’appunto, della Coppa del nono, che magari non avrà il prestigio della Champions League e nemmeno quello della Coppa Italia, ma è pur sempre un trofeo con il quale potersi congedare dignitosamente dalla tifoseria rossonera. Per vincerla, però, serviranno due vittorie su due, in queste ultime giornate del torneo. E potrebbero anche non bastare, perchè occorre vedere cosa faranno le altre squadre in corsa. Ci giochiamo questa coppa insieme a…

Ancelotti o non Ancelotti: un po’ di rispetto per Inzaghi, please…

Campionato ormai archiviato da un mese o giù di lì, le notizie che riguardano il Milan parlano, com’è naturale che sia, già del prossimo futuro. C’è il capitolo cessione societaria che sembra andare avanti tra colpi di scena e dichiarazioni, non ultime quelle circa la possibilità che Berlusconi non venda e vari una sorta di Ital-Milan. C’è la questione stadio che dovrebbe essere risolta ad inizio mese e non è così scontata l’assegnazione dei padiglioni di Fondazione Fiera a Barbara & co. Infine negli ultimi giorni animi in subbuglio per il possibile ritorno di Ancelotti sulla panchina rossonera. Nonostante le possibilità concrete di questo ritorno siano minime (in cuor nostro…

Meteore rossonere: Michael Reiziger

A volte nel calcio capita, in modo del tutto illogico e sconclusionato di affidarsi ad un Paese, più che alla bravura dei giocatori. Memori dei fasti del passato si ripesca negli stessi ambienti giocatori che di prezioso hanno la stessa nazionalità di chi ha fatto vincere trofei su trofei. Il risultato di questa politica scellerata sono poi dei bidoni che rimangono alla memoria solo per la loro scarsezza, magari simboli di annate del tutto da dimenticare. Uno di tali bidoni è senza dubbio Michael Reiziger e l’annata è 1996/97, la stessa per intenderci del “grande” Kluivert. Cresciuto nell’Ajax, fu Van Gaal a lanciarlo nel calcio che conta, lo stesso tecnico…

Il ritorno di Ancelotti al Milan: ecco tutta la situazione

Una notizia bomba squarcia il monotono e grigio finale di campionato dei rossoneri: Ancelotti tornerà al Milan dopo il divorzio dal Real Madrid. Gli animi si incendiano, c’è già chi sogna un ritorno ai vecchi fasti, chi invece, freddo e distaccato, immagina che Milan può essere con il tecnico di Reggiolo ma senza i campioni di un tempo. Sarà lui quindi a guidare il rilancio dopo due annate a dir poco disastrose? Ancora non si può dire con sicurezza ma il sogno rossonero ogni ora che passa diviene sempre meno sogno e sempre più realtà. Noi di certo non siamo abituati a lasciarci andare a fantasie sfrenate, al massimo possiamo…

1992

No, non ci riferiamo alla serie tv di cui molti hanno certamente sentito parlare. Il 1992 è l’anno di nascita di due calciatori che a volte critichiamo in maniera decisa, ma che ci stanno molto a cuore. Due talenti del Milan e del calcio italiano, che per vicende non troppo differenti, non sono riusciti a proseguire la loro carriera nella stessa sfavillante maniera con cui l’avevano cominciata. I due protagonisti non hanno in comune solo l’anno di nascita, ma anche il mese: ottobre. Per l’esattezza sono nati ad una sola settimana di distanza. Mattia De Sciglio, che qualcuno ha forse troppo frettolosamente accostato a Paolo Maldini, dopo un promettente avvio di carriera ed…

Il mistero della grande campagna acquisti di Galliani

“Sarà una campagna acquisti importante, assolutamente. Quando si ha il prestigio del Milan si fa presto a ripartire. La Juventus è l’esempio”. Le parole di Galliani assomigliano molto a quelle di chi, nei film, recita la parte del personaggio che sa molto ma non vuole o non può parlare. D’altronde non può non essere così dato che in questo momento il Milan non potrebbe permettersi in alcun modo “una campagna acquisti importante”. Oppure potrebbe permettersela ma Silvio rischierebbe seriamente di essere assassinato da Pier Silvio, Marina o qualche altro dirigente Fininvest… Il Milan è stato già ceduto – Due sono i modi logici e sensati di interpretare le parole di…

La dieta dimagrante del calcio italiano

La stagione sta finendo, direbbero i Righeira 2.0 attualizzati all’anno 2015, e un anno se ne va… Chi ha vinto, ha vinto, chi non ha vinto spera di vincere l’anno prossimo. In attesa di eventi di rilievo che possano destare la nostra attenzione, proviamo a ragionare di organizzazione. E’ arcinoto (ma non perché lo dica il sottoscritto, ma perché lo dicono tutti quelli bravi e in possesso di cultura del settore molto elevata) il nostro calcio è in crisi. Soprattutto, preoccupa lo stato di indebitamento dei nostri club, frutto di cattiva gestione e di spese incontrollate particolarmente sotto l’aspetto dei costi di ingaggio dei calciatori che nel corso del tempo…

Mission News Theme by Compete Themes.