Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Pioli”

Le pagelle del Milan sconfitto dal Sassuolo

DONNARUMMA Voto 6,5: para sottomisura su Boga al minuto 13 poi facilmente su Defrel al minuto 51. Gli segnano da sotto il naso e non per colpa sua. Molto bene con i piedi, in continuo progresso. CALABRIA Voto 6+: al rientro dopo l’operazione gioca d’anticipo e in raddoppio su Boga al cospetto del quale esibisce la barba da radicalizzato, limitandone le vivacità e confondendone le idee. Spinge appena può e fino a che ne ha, il che accade intorno al minuto 52, più o meno. Era certamente da sostituire, ma ne parlerò dopo diffusamente. KJAER Voto 6-: supera brillantemente un round contro Donnarumma che lo mette K.O. costringendo l’arbitro al…

Roma battuta 1-2, le pagelle dei rossoneri

DONNARUMMA Voto 7,0: al minuto 22 para su Veretout, al minuto 64 para su Pellegrini e nella ripresa al minuto 79 e al minuto 93 nega a Mikhitaryan la gioia della rete. Fa apparire facile ciò che è difficile. Sicuro in presa alta e con i piedi. CALABRIA Voto 7,0: ingaggia duelli in velocità con l’arrembante Spinazzola sino al limite del fallo, sempre con attenzione. Per questo non spinge molto, ma ha il merito di intercettare in alto la palla che porta al vantaggio. Su di lui anche il fallo che porta al rigore. Grande chiusura difensiva la minuto 81. Stasera di nuovo molto bene, dopo un paio di partite…

Sassuolo sconfitto, le pagelle del Milan

DONNARUMMA Voto 6,5: si guadagna l’emolumento di giornata parando al minuto 75 su Bourabia. In precedenza, para, facile, su Berardi (minuto 22), su Ferrari (minuto 46), su Traorè (minuto 52). Finisce la partita senza voce ed inseguendo Hauge negli spogliatoi. CALABRIA Voto 6,0: come a volte gli capita, sta più sulle sue stavolta a rintuzzare Rogerio o Djuricic, lasciando a Diaz e Saelemaekers il compito di offendere dal suo lato. Sgomma come una 4×4. KALULU Voto 7,0: se non si fosse fatto male Gabbia nemmeno sapremmo che esiste. Partita di personalità, precisione, lucidità negli interventi. È il Re dell’area di rigore. Al posto giusto al momento giusto sbroglia matasse probabilmente…

Date a Stefano quel che è di Stefano

Alla fine, dopo 24 risultati utili consecutivi, è arrivata la sconfitta. Poco male, a patto che la partita con il Lille sia stata solamente un incidente di percorso o una serata no, insomma una di quelle giornate in cui non gira proprio nulla. A mio avviso, in questi giorni che ci portano alla sfida contro il Verona, sarà fondamentale il lavoro e l’impostazione che saprà dare Pioli. L’otto marzo scorso quando perdemmo in casa contro il Genoa, Pioli non era considerato altro che un semplice traghettatore chiamato solamente per portare in salvo una squadra che era nata male, ma proprio male, con la breve era Gianpaolo e che continuava ad…

Inter – Milan 1-2: le pagelle incoronano re Zlatan

Donnarumma 6: Forse poteva fare di più in occasione del gol di Lukaku, alla fine però sventa l’occasione del pareggio. La grande paura in occasione del contatto con il belga che poteva portare al rigore. Tutto è bene quel che finisce bene. Calabria 6: Riesce a disinnescare Perisic fornendo una bella prova difensiva. Conferma nella gara più importante il suo momento di crescita. Kjaer 6,5: Il vichingo trova sulla sua strada un avversario durissimo come Lautaro, che in velocità è imprendibile. Il nostro Simon però con esperienza e coraggio vince il duello con l’argentino e per di più aiuta il capitano quando è in difficoltà. Romagnoli 5: Al ritorno in…

Milan – Bodø/Glimt 3-2, missione compiuta ma non senza attimi di paura

Marcatori: 15′ Junker, 16′, 50′ Calhanoglu, 32′ Colombo, 55′ Hauge. Le pagelle dei rossoneri: *** Donnarumma 7 La bella parata nel finale sul perfido colpo di testa norvegese salva il Milan da grosse grane. Per il resto contempla gli spalti vuoti di San Siro. Calabria 6 Spesso (ma non sempre) attento, al cospetto di un avversario non facile. Hauge alla fine gli fa girare la testa ma tutto è bene quel che finisce bene. Kjaer 6 L’esperienza che ha gli consentirebbe di passeggiare con sicurezza anche sulle lune di Saturno, ma il tosto danese deve faticare un pò contro i nordici più nordici (e giovani) di lui. Gabbia 6- Junker…

Imparare la storia ci aiuta a leggere il futuro

Successivamente all’esonero di Allegri (25 gennaio 2014, Sassuolo-Milan 4-3) che dopo lo scudetto del 2010-2011 aveva smarrito una qualsiasi identità tecnico-tattica di fatto accompagnando mestamente la squadra e la società verso un anonimato di medio-bassa classifica, sulla panchina rossonera si sono succeduti nell’ordine: Tassotti, ad interim, poi Seedorf (2013-2014); Inzaghi F. (2014-2015); Mihajlović (2015-2016 sino all’esonero); Brocchi (72 giorni e una finale di Coppa Italia 2015-2016); Montella (2016-2017 e 2017-2018 sino all’esonero); Gattuso (2017-2018 e 2018-2019); Giampaolo (2019-2020 da luglio a ottobre),  sino ad arrivare ai giorni nostri con l’attuale Stefano Pioli, tuttora felicemente in carica. Dal 2014 in avanti, una rispettabilissima accozzaglia di idee e concetti tattici, tutti diversi…

Milan-Parma 3-1. Le pagelle del Milan

Milan – Parma 3-1, 15 luglio 2020 Marcatori: Kurtic al 44′, Kessie al 55′, Romagnoli al 59′, Calhanoglu al 77′. *** DONNARUMMA Voto 6,5: sul finire di un primo tempo che lo ha visto del tutto inoperoso arriva il fendente di Kurtic (minuto 44) che si insacca sul primo palo. Poteva fare di più? Quien sabe, dicono a Città del Messico. Si riscatta su Inglese al minuto 75 dando il via all’azione della terza rete e poi devia su cross di Darmian (munito 85). CONTI Voto 5,5: prova a superare la linea di metà campo sin dall’inizio. Pioli lo richiama all’ordine, ma lui insiste quando Gervinho si sposta in altra…

Lazio – Milan 0-3: le pagelle dei rossoneri (04 luglio 2020)

Donnarumma 6: Stranamente inoperoso per un match del genere. Per una volta si gode lo spettacolo senza soffrire. Conti 7: Gara senza alcuna sbavatura, condita da una lettura perfetta quando costringe al fuorigioco Lazzari, forse il momento decisivo della gara. (Dal 72’ Calabria 6: ordinaria amministrazione per lui). Kjaer 7,5: Insieme al suo compagno di reparto Hernandez, è senza dubbio l’acquisto più azzeccato della stagione. Governa la difesa come un leader, non sbaglia nulla e dà maggiore tranquillità a Romagnoli. Da confermare senza esitazione. Romagnoli 7: Come detto, coppia perfetta con il danese. La Lazio stasera gli fa il solletico, ma in generale sta portando a casa una stagione di…

Rafael Leao, pregi e difetti di un attaccante ancora incompiuto

Leao con tre gustao, delicassao spregiudicao e depressao. Tre gusti, in effetti, ci sono tutti. Dolce, amaro e un terzo più imprevedibile, non ancora ben definito, per il momento a base di una spregiudicatezza che potrebbe promettere bene quanto male, perchè a 20 anni nulla è ancora fatto e compiuto. A parte i giudizi dei cinici, quelli sì che sono già confezionati e la spedizione è pure gratuita. Apro una parentesi che sarà un pò lunga. Magari lo avete notato anche voi, i giudizi affrettati (quasi sempre negativi, liquidatori) sono assai diffusi in direzione di giovani calciatori come Rafael Leao, Paquetà o Kouamé del Genoa, giusto per prenderne tre come…

Milan-Juve 1-1, le pagelle di Calabria e compagni

Donnarumma 6,5 Il primo ed unico impegno della serata al 36′ su un tiro dalla distanza di Quadrado. Per il resto la Juventus non tira mai in porta. Calabria 6,5 Buona partita, ottima la contrapposizione nei confronti di Ronaldo, Matuidi e Alex Sandro, addirittura riesce a indirizzare verso la porta il tiro più pericoloso del primo tempo, sul quale Buffon è bravo. Valeri gli fischia un fallo da rigore che non doveva essere fischiato, secondo la casistica spiegata da Rizzoli. Kjaer e Romagnoli 6,5 Solidi e soliti baluardi difensivi, riescono a rendere quasi inoffensivi CR7 & company. Hernandez 5,5 A volte un pò irruento e punitivo, ma non raggiunge le…

L’ennesimo derby perso. Le pagelle rossonere, a freddo

La stracittadina si conclude 4-2 per l’Inter, dopo un primo tempo sorprendentemente dominato dal Milan (2-0 per i rossoneri all’intervallo). Nella ripresa il dominio si trasforma in domino e ad uno ad uno cadono quasi tutti i pezzi di Pioli. Le pagelle dei rossoneri: DONNARUMMA Voto 6,5: sbroglia in mischia al minuto 19, poi para bene su Vecino al minuto 23 mentre sui gol può poco o nulla. CONTI Voto 5,5: inizia bene partecipando alla manovra, attento, difende bene su Young. Però non sale con il tempo giusto e tiene in gioco Sanchez sul gol del pari. Non arriva mai sul fondo del campo. KIAER Voto 5,5: Lukaku lo bullizza…

Milan – Torino 4-2 d.t.s.: le pagelle dei rossoneri (28/01/2020)

Donnarumma 6: Non può fare molto sui due gol di Bremer, ma guadagna la pagnotta facendo sentire la sua presenza a Belotti e Millico all’inizio dei supplementari. Conti 5: Perennemente in ritardo su ogni pallone, dalle sue parti il Torino ha vita facile. In netto calo fisico, deve ricorrere sistematicamente al fallo. Kjaer 6: Provvidenziali due salvataggi che avrebbero potuto dare una strada diversa alla gara. Riesce a dare sicurezza a tutto il reparto. Romagnoli 5,5: Ha colpe in entrambi i gol del Torino, soprattutto sul raddoppio salta fuori tempo consentendo un facile colpo di testa. Per il resto gara tenuta sotto controllo. Hernandez 5,5: Momento di rifiato per il…

Le pagelle degli ectoplasmi rossoneri in quel di Bergamo

Sinteticamente, le mie pagelle sulla prestazione dei rossoneri nella partita vinta dall’Atalanta per 5 a 0: Donnarumma 5 A volte sarebbe meglio fare due parate in più e due lacrime in meno. Rodriguez 5 Gioca il primo tempo, ovviamente ad andamento lento come direbbe Tullio De Piscopo. Calabria 4,5 Entra a metà gara e stupisce tutti per come riesca a fare peggio del suo predecessore. Musacchio 4,5 Siamo sicuri che il giovane Gabbia sia peggio? Romagnoli 5+ E se non fosse un leader? Conti 4 Mezzogiorno di fuoco per Andrea, che dopo il tunnel di Gomez perde totalmente gli ultimi brandelli di attenzione. Kessie 4 La camminata è quella dei…

Dallo striminzito al ringalluzzito (ma con riserva). Le prime 5 di Giampaolo e Pioli a confronto

Il Milan sta attraversando l’ennesima fase di cambiamento dovuta all’avvicendamento tecnico in panchina. Ma nei fatti si tratta davvero di un cambiamento? Vediamo di analizzare cosa dicono i numeri in proposito. 3 gol fatti e 5 gol subiti: così Giampaolo iniziò la sua avventura nel Milan, nelle sue prime cinque partite di campionato. Poi sappiamo tutti come è finita, due partite dopo. Con la nuova gestione Pioli, invece, dopo altrettante giornate registriamo 5 gol fatti e 7 subiti. Con Giampaolo gli avversari del Milan riuscivano a bucare il portiere rossonero solo nel secondo tempo, mentre con Pioli riescono a segnare anche nel primo. In compenso con la nuova gestione si…

Mission News Theme by Compete Themes.