Press "Enter" to skip to content

Posts tagged as “Allegri”

Imparare la storia ci aiuta a leggere il futuro

Successivamente all’esonero di Allegri (25 gennaio 2014, Sassuolo-Milan 4-3) che dopo lo scudetto del 2010-2011 aveva smarrito una qualsiasi identità tecnico-tattica di fatto accompagnando mestamente la squadra e la società verso un anonimato di medio-bassa classifica, sulla panchina rossonera si sono succeduti nell’ordine: Tassotti, ad interim, poi Seedorf (2013-2014); Inzaghi F. (2014-2015); Mihajlović (2015-2016 sino all’esonero); Brocchi (72 giorni e una finale di Coppa Italia 2015-2016); Montella (2016-2017 e 2017-2018 sino all’esonero); Gattuso (2017-2018 e 2018-2019); Giampaolo (2019-2020 da luglio a ottobre),  sino ad arrivare ai giorni nostri con l’attuale Stefano Pioli, tuttora felicemente in carica. Dal 2014 in avanti, una rispettabilissima accozzaglia di idee e concetti tattici, tutti diversi…

Almeno non prendeteci in giro

La Juventus, col pareggio di Roma, ha vinto nuovamente lo Scudetto (non indico il numero perché non l’ho ancora capito), per la settima volta consecutiva. Al Napoli il merito di aver tenuto accesa la competizione per qualche giornata in più rispetto agli anni precedenti e nient’altro. Al termine della partita che conferisce il titolo alla Vecchia Signora, le parole di Chiellini sono provocatorie e beffarde: ” Abbiamo trovato le energie da dentro, bisogna ringraziare i nostri avversari. A parte quello che hanno fatto in campo è dall’inizio dell’anno che prima c’è la Var, poi l’arbitro, poi i fuochi d’artificio, poi il bel gioco. Non hanno mai smesso di darci nuova linfa”,…

Occhi puntati su Milan-Juventus: numeri e curiosità

Numeri e statistiche dal sapore agrodolce quelle del match più importante della stagione. Prima di analizzare l’avversario del Milan, abbiamo ritenuto importante sottolineare i precedenti tra le due squadre a San Siro. Negli 81 precedenti alla Scala del calcio i rossoneri sono in vantaggio con 27 vittorie, 33 invece sono i pareggi, mentre 21 le vittorie della Vecchia Signora. Il Diavolo non vince in casa, ormai, da ben 4 anni contro i bianco zebrati; l’ultima vittoria rossonera risale al 25-11-2012 con un secco 1-0. L’ultimo pareggio invece è quello del 25-02-2012 (Milan-Juventus 1-1), mentre l’ultima vittoria bianconera risale al 9 aprile scorso con tabellino a favore 2-1 per i ragazzi…

Ambrosini, Baresi, Leonardo e chi più ne ha più ne metta

Ci parlano di volti nuovi, diversi, con gli occhi a mandorla, ma anche di facce ben conosciute, di affermati protagonisti di un Milan che non c’è più. E in questo mix di vecchio e nuovo che faticosamente cerca di mettersi insieme, respiriamo inaspettatamente un’aria fresca, di alta classifica. Pensate che nelle ultime cinque giornate il Milan è la squadra che ha ottenuto più punti, sì, ha fatto anche meglio della Juve di Massimiliano Allegri. Qualcosa vorrà dire no? Ok, il Milan è la squadra più giovane, ma questi risultati, ce lo auguriamo, sono anche il frutto di abilità fatte valere meglio rispetto agli avversari, almeno in questo ultimo scorcio di…

Max, Clarence, Pippo e Sinisa, chi il migliore?

Concluso il girone di ritorno abbiamo provato a confrontare le classifiche degli ultimi allenatori che si sono successi sulla panchina del Milan. Terminata l’epopea di Carlo Ancelotti diversi mister si sono succeduti nel corso degli anni. Nessuno però è riuscito ad aprire un vero e proprio ciclo, tanto che solo Allegri è riuscito a durare più di una stagione (alla fine tre anni e mezzo). Proprio dalla sua ultima “mezza” stagione (2013/2014) in rossonero vogliamo iniziare il confronto. Max fu esonerato alla fine del girone d’andata, precisamente dopo la rocambolesca sconfitta subita per mano del Sassuolo (4 a 3 per i neroverdi), lasciando la squadra ad un triste undicesimo posto…

Il campionato di chi insegue: Juve, Lazio, Milan & company

Dietro le prime quattro ”fuggitive” della serie A, che sembrano essere i pesi massimi del torneo, c’è un plotone di squadre che sta cercando di capire che ruolo poter svolgere in questo campionato. Squadre alle quali basterebbe inanellare un filotto di vittorie per presentarsi al cospetto delle prime, entrando di fatto nella corsa scudetto. Ecco quali sono: La Juventus, con Allegri che fa e disfa in continuazione, ha ancora ambizioni di primato. In estate scrissi: “Pur restando sicuramente forte, la Juventus molto sta cambiando e Allegri, presumo, avrà qualche problema di assemblaggio e di verifica di quei meccanismi di gioco precedentemente perfettamente oliati. Le difficoltà potrebbero aumentare se, in avvio,…

Meno di un anno fa, ma quante differenze fra i due derby…

Basta leggere il tabellino del derby di andata dello scorso anno, era il 22 dicembre 2013, per capire quante cose sono cambiate in questi mesi. Innanzitutto gli allenatori, che all’epoca erano Allegri e Mazzarri, entrambi ora sostituiti. Poi in campo c’era ancora capitan Zanetti, che il calcio giocato lo ha salutato definitivamente nei mesi scorsi. Fra i nerazzurri c’erano Taider e Rolando, ora non più facenti parte della rosa, fra i rossoneri chi non ricorda Constant, Emanuelson, Matri e soprattutto Kakà e Balotelli… L’espulsione di Muntari al 93′ sembra invece un elemento di stringente attualità. Ma per tornare alle differenze, un’altra di queste era relativa alla situazione di classifica delle due squadre:…

L’avversario di stasera: la Juventus di Allegri (sì, proprio lui)

La sfida con i campioni d’Italia arriva forse troppo presto, con il concreto rischio che possa trasformarsi in un forte schiaffo in faccia al nuovo Milan di Inzaghi, ma del resto il calendario del campionato nessuno se l’è mai fatto su misura. Di fronte avremo dunque una squadra già ben collaudata, con una coppia d’attacco ottimamente assortita e un allenatore esperto, che torna a San Siro otto mesi dopo l’esonero. Ad accoglierlo troverà forse qualche ironico striscione, ma una cosa è certa: tornare sedendo sulla panchina della Juve è un bel ritorno, non c’è che dire. A poche ore dal big match della terza giornata, vediamo reparto per reparto il termometro della…

Berardi annienta il Milan e condanna Allegri all’addìo

Che dire di questo incredibile 4-3 che vede il neopromosso Sassuolo annientare quella che fino a ieri sera era la squadra di Allegri? Non è facile commentare una partita così orribile per il Milan, che pure aveva cominciato bene la gara, portandosi in pochi minuti sul 2-0 con i goal di Robinho e Balotelli. Sembrava dovesse essere una serata perfetta, invece si è trasformata in un incubo. Una prestazione inguardabile da parte di tutta la difesa, con Zapata e Bonera in perenne ritardo su Zaza e Berardi. Proprio quest’ultimo è stato il grande protagonista, con un sensazionale poker che Abbiati e la difesa rossonera ricorderanno a lungo. Complimenti a Di…

Allegri esonerato, stavolta è finita davvero

Ecco il comunicato ufficiale della società rossonera, diffuso nella mattinata di oggi: L’AC Milan comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra, con effetto immediato, il Signor Massimiliano Allegri e il suo staff. L’AC Milan desidera ringraziare il Signor Allegri e il suo staff per l’opera svolta e augura loro i migliori successi professionali. La squadra è provvisoriamente affidata alla guida tecnica del Signor Mauro Tassotti. Fatale la clamorosa sconfitta di ieri sera con il Sassuolo. 4-3 per i neroverdi, con ben quattro goal segnati dal giovanissimo Berardi (il Milan vinceva 2-0 prima della straordinaria rimonta della squadra di Di Francesco). Si vocifera che Clarence Seedorf possa arrivare…

Verso Sassuolo – Milan: una Honda…ta di entusiasmo

Si avvicina il match di Reggio Emilia di domani sera. L’attenzione mediatica sarà tutta per il neo acquisto Honda, che sembra abbia portato entusiasmo nello spogliatoio, fondamentale per uscire dalle zone anonime della classifica. Dalla conferenza stampa di mister Allegri è emerso qualche indizio sulla formazione titolare: sicuri del posto Abbiati, De Sciglio ed Emanuelson sulle fasce e Zapata centrale. Accanto a lui molto probabile l’impiego di Bonera, con in panchina la coppia francese Mexes – Rami. A centrocampo l’inamovibile De Jong sarà affiancato con ogni probabilità da Montolivo con il ritorno di Cristante in panchina, mentre ci sarà ballottaggio Nocerino – Poli per la terza maglia, con il primo…

Honda: “Penso di poter cambiare qualcosa”

Finalmente il biondo giapponese è arrivato nella sua nuova casa. Keisuke Honda, il trequartista tanto voluto dal Milan è sbarcato a Malpensa, ha effettuato le visite mediche ed è ora a disposizione di Massimiliano Allegri, anche se prima di vederlo in campo passerà almeno una settimana, com’è normale che sia. Le sue prime parole da rossonero sono incoraggianti: “So che tutti si aspettano molto da me. Penso di poter fare qualcosa di speciale, di cambiare qualcosa, sono fiducioso. Guardavo sempre il Milan in tv , sono davvero felice di essere arrivato qui: il Milan è una leggenda, questo è il mio sogno che diventa realtà”.- ha detto a Milan Channel. Ma…

Le ultime da Milanello in vista di Milan-Atalanta

Milan – Atalanta si avvicina e i rossoneri hanno ormai da giorni ripreso ad allenarsi, al termine della breve pausa natalizia. Le ultime indicazioni provenienti dai campi di Milanello dicono che Allegri sembra intenzionato e proporre Zapata al centro della difesa insieme a Daniele Bonera; ai loro lati agiranno De Sciglio ed Emanuelson. De Jong, Poli e Montolivo a comporre il centrocampo, Balotelli e Kakà uniche certezze nel reparto offensivo, che dovrebbe essere completato da Matri o da uno tra Saponara e Robinho, con l’ex cagliaritano in vantaggio sugli altri. Assenti per infortunio Abate, Birsa ed El Shaarawy, mentre per squalifica mancherà Muntari. Non è ancora il momento di vedere all’opera Adil Rami, che comunque…

Mission News Theme by Compete Themes.